Home Natura e Ambiente Le “tre ferite narcisistiche” rese famose da Freud

Le “tre ferite narcisistiche” rese famose da Freud

di Vincenzo Guarrasi

La figura e lo sfondo. Per comprendere fino in fondo la lezione delle piante e configurare l’umano entro lo sfondo della grande storia disegnata dal mondo vegetale nella conquista della Terra, bisogna prima rivivere i tre traumi che secondo Freud hanno caratterizzato la formazione della cultura occidentale moderna:
“(…) dapprima Copernico, poi Darwin e infine Freud stesso. Tre volte di seguito l’arroganza umana sarebbe stata profondamente ferita da scoperte scientifiche: la prima volta, dalla rivoluzione copernicana che avrebbe scacciato l’uomo dal centro del cosmo; poi, straziata ancora più a fondo dall’evoluzione darwiniana che ha fatto dell’umano una specie di scimmia nuda; infine, per la terza volta, dall’inconscio freudiano che avrebbe espulso la coscienza umana dalla sua posizione centrale.

[Bruno Latour, La sfida di Gaia. Il nuovo regime climatico, Meltemi, Milano, 2020, p. 123]

 

Sono riti di passaggio sulla strada che ci porta verso una visione adulta del nostro posto nel mondo.

Commenta con il tuo account Facebook

Potrebbe interessarti anche

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di TreeBro.org maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi